Artnet Intelligence Report 2021

    Artnet Intelligence Report 2021

    L’edizione 2021 dell’Intelligence Report pubblicato dalla piattaforma Artnet offre una panoramica approfondita del mercato dell’arte attuale e dei futuri sviluppi.

    L’ultima edizione dell’Intelligence Report, realizzato dalla piattaforma Artnet, è stata concepita durante la finestra temporale dei “ruggenti anni 2020”, un periodo di ripresa per il sistema dell’arte e del mondo intero. 

    Nonostante ciò, le difficoltà non sono mancate e in questo preciso momento tutto sembra essere imprevedibile. Proprio per questo, immaginare come sarà il resto del decennio risulta un esercizio necessario per lasciare spazio all’ottimismo e alla speranza.

    Nel Report dell’autunno 2021 vengono presentate figure di giovani collezionisti e artisti che stanno rivoluzionando, passo dopo passo, le dinamiche del mondo dell’arte: la pop star coreana T.O.P, Mark Grotjahn, Gerhard Richter e Nish McCree.

    Rilevante è anche l’approfondimento dell’Art Business Editor Tim Schneider sulle 5 tecnologie che cambieranno il mondo degli affari dell’arte entro il 2030. Tra queste spicca la realtà aumentata, strumento già in voga nell’ambito delle gallerie e dei musei.

    Il Report propone un’analisi del mercato accurata, basata su dati che mettono in luce le attuali tendenze, come le vendite NFT realizzate dalle case d’asta, e informazioni inerenti l’impatto che la pandemia ha avuto sul sistema dell’arte.

    Nella prima metà del 2021 è stato speso un totale di 7,8 miliardi di dollari in opere d’arte all’asta, con un incredibile aumento del 138% rispetto al periodo equivalente dello scorso anno e del 12% rispetto ai primi sei mesi del 2019.

    Gli Stati Uniti sono in testa con un fatturato totale di opere d’arte di $ 2,7 miliardi. Ma la Cina sta colmando il divario, consolidando con 2,4 miliardi di dollari le vendite nella prima metà del 2021.

    I primi sei mesi dell’anno hanno visto le vendite solo online presso le tre principali case d’asta Christie’s, Sotheby’s e Phillips diminuite del 25,4% rispetto al periodo equivalente nel 2020. La quantità totale di scambi generati esclusivamente nel cyberspazio – $ 474 milioni – è ancora in aumento di un sorprendente 1.239% rispetto al primo semestre 2019.

    Le vendite di arte ultra-contemporanea – termine utilizzato per identificare il lavoro di artisti nati dopo il 1974 – sono salite più di qualsiasi altro genere dopo il blocco. Da gennaio a giugno di quest’anno, le vendite della categoria hanno raggiunto i 302,6 milioni di dollari, quasi il 300% in più rispetto al picco più recente del 2019.

    Quale fascia di prezzo è più redditizia per le case d’asta?

    La fetta più grande della torta rimane quella composta da opere d’arte scambiate tra $ 1 milione e $ 10 milioni ciascuna.

    Sotheby’s ha battuto di poco la rivale Christie’s nelle vendite totali all’asta nella prima metà dell’anno. Il primo ha generato 2,3 miliardi di dollari; quest’ultimo, 2,1 miliardi di dollari.

    Resta ancora da definire la reale portata delle vendite effettuate per i Non Fungible Token che non smettono di essere protagonisti delle aste in tutto il mondo.

    Photo Credits: Artnet

    spot_img
    spot_img
    spot_img

    Latest articles

    spot_img

    Vuoi diventare un Crypto Artist?
    Vuoi creare le tue opere
    d'arte in NFT?

     Art Rights offre un nuovo servizio unico nel suo genere, per creare GRATUITAMENTE gli NFT delle tue opere in pochi e semplici step

    Related articles