Christie’s Art Tech Summit 2018

    IL MONDO DELL’ARTE STA CAMBIANDO

    Christie’s, in collaborazione con Vastari e Christie’s Education, ha promosso a Londra il primo Art+Tech Summit incentrato sulle potenzialità della Blockchain per l’arte.

    Il dialogo degli esperti, provenienti da tutto il mondo, è nato da una domanda: il mondo dell’arte è pronto a esplorare i benefici della Blockchain?

    L’attenzione verso le nuove tecnologie al servizio del mondo dell’arte è stata oggetto del report Art&Finance 2018 pubblicato da Deloitte e Art Tactic.

    Il Report analizzava reputazione e funzionamento del mercato dell’arte, evidenziando problematiche come autenticitàmanipolazione dei prezzi e mancanza di trasparenza, e ipotizzando una soluzione nell’utilizzo “di strumenti analitici e gestionali sempre più precisi”.

    Il mercato dell’arte sta crescendo e gli ultimi dati lo confermano” sottolinea nel suo intervento a Londra Sébastien Genco (Deloitte Blockchain Specialist), con “una crescita del volume totale di transazioni pari a oltre 70 miliardi di dollari all’anno”.  Sebbene anche le controversie legali crescano di pari passo, legate in buona parte al problema dei falsi, che solo nel 2014 il report del Fine Arts Expert Institute (FAEI) di Ginevra stabiliva essere pari al 50% degli scambi nel mercato.

    La tecnologia Blockchain è la soluzione a beneficio e tutela di artisti, collezionisti e operatori del settore, ma è sempre Genco a confermare che “nonostante i numerosi vantaggi offerti dall’utilizzo della nuova tecnologiasolo il 5% viene applicato all’arte”.

    Il perché è evidente fin da subito. Manca, da parte dei diversi attori del mondo e del mercato dell’arte, la volontà di conoscere le reali capacità dell’utilizzo della Blockchain.

    Abbiamo bisogno di educare le persone” conclude Genco.

    Che cos’è la Blockchain?

    Rispondono Elliot Safra (Christie’s UK Chairman’s Office) e Bernadine Bröcker (Ceo di Vastari) che definiscono la Blockchain un registro digitale e decentralizzato, con possibilità per gli utenti di archiviare le informazioni in modo sicuro e stabile. I dati inseriti, vengono memorizzati in blocchi crittografici che vanno a formare una catena incorruttibile, immutabile e tracciabile, la cui verifica è affidabile a salvaguardia della privacy e sicurezza delle informazioni registrate.

    È Anne Bracegirdle (Associate Vice President e Christie’s Specialist Photographs Department) a confermare che l’utilizzo di strumenti professionali basati su tecnologia Blockchain permetteranno di creare “un ecosistema dell’arte più accogliente”.

    Informazioni incorruttibili e decentralizzate, dati criptati e salvaguardia di privacy e sicurezza equivalgono a “più trasparenza, più fiducia e più transazioni in un mercato solido” conclude Bracegirdle.

    I benefici futuri, con l’utilizzo della Blockchain applicata a soluzioni tecnologiche di cui Art Rights ne è esempio, rendono tangibili il superamento dei limiti di cui il mercato dell’arte ancora soffre, a tutela e valorizzazione del patrimonio artistico.

    Tanti i settori dell’arte in cui la nuova tecnologia trova applicazione.

    La partecipazione al summit londinese dei maggiori esponenti del mondo dell’arte, tra cui Georgina Adam (Financial Times e The Art Newspaper), Sylvie Gleises (AXA Art), Ram Nadella (Paddle8), Daniel Doubrovkine (Artsy), è prova di un reale interesse ad approfondire le potenzialità della Blockchain, così come alcune problematiche tra cui il rispetto del GDPR (General Data Protection Regulation) tema evidenziato da Jonathan Kewley (Clifford Chance Tech Group)

    Le vecchie abitudini nel mondo dell’arte sono dure a morire, ma i suoi protagonisti, vista la grande partecipazione all’Art+Tech Summit di Christie’s, sono interessati a lavorare per vivere il cambiamento.

    E voi, siete pronti a vivere la rivoluzione della Blockchain?

    Latest articles

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Intervista a Sharon Hecker Storica dell’Arte e Curatrice – ProfessioneARTE.it

    Intervista a Sharon Hecker, storica dell'arte con oltre 30 pubblicazioni su Medardo Rosso e la fondazione dell’Hecker Standard per la due diligence d'arte

    François Pinault VS Bernard Arnault

    François Pinault e Bernard Arnault, tra i due uomini più ricchi della Francia, sono rivali in affari, ma hanno una passione comune che li unisce: quella del collezionismo d’arte. 

    Related articles