Come trasportare un’opera d’arte

    Il trasporto di un’opera d’arte è tra le fasi più delicate da affrontare, perché espone l’opera ad una serie di possibili danni ad alto rischio che possono compromettere la sua integrità fisica e quindi economica.

    Ecco le principali condizioni per trasportare un’opera d’arte

    Trasportare un’opera d’arte significa rispondere ad una serie di adempimenti tecnici, logistici, burocratici che iniziano con un’attenta indagine conoscitiva dell’opera, nelle sue componenti fisiche e materiche.

    Lo studio diagnostico comprende:

    • La valutazione delle condizioni microclimatiche della sede originaria di esposizione
    • Lo studio delle condizioni del supporto, delle cromie e delle cornici
    • L’analisi di casse e imballaggi
    • La resistenza dell’opera a stress meccanici che possono presentarsi durante il trasporto (torsione, urto, sobbalzo)

    Per questo aziende specializzate garantiscono le condizioni di trasporto di un’opera “a regola d’arte”, anche per lunghi tragitti in zone impervie e climaticamente estreme, da quelle glaciali a quelle desertiche tropicali.

    Nulla può essere lasciato al caso, improvvisato o gestito da personale e aziende che non possono garantire standard di trasporto specializzato per l’arte. 

    Superate le analisi, le opere viaggiano via terra, via mare o per via aerea, a seconda della loro natura, in casse e imballaggi, spesso appositamente realizzate, che presentano caratteristiche differenti e possono essere standard, climatizzate, ignifughe o per sculture; così anche gli imballaggi, quindi i materiali interni a contatto diretto con l’opera, saranno di differenti tipologie come morbidi, semirigidi o rigidi. 

    Le condizioni di trasporto dell’opera, così come la tipologia di imballo da adottare, devono essere riportate all’interno del Condition Report, documento redatto da un esperto restauratore, che certifica con data e firma, dopo esame visivo, lo stato di conservazione dell’opera d’arte a cui si accompagna tutto il materiale fotografico dell’oggetto del report.

    Inoltre nella fase del trasporto, il professionista incaricato, dovrà essere in possesso del DDT, Documento Di Trasporto, che conterrà tutti i dettagli della movimentazione, come i dati identificativi del vettore, del mittente e del destinatario, oltre all’indicazione su quantità, dimensioni, pesi e natura delle casse trasportate.

    E tu, sei pronto a scoprire come trasportare un’opera d’arte?

    Latest articles

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Intervista a Sharon Hecker Storica dell’Arte e Curatrice – ProfessioneARTE.it

    Intervista a Sharon Hecker, storica dell'arte con oltre 30 pubblicazioni su Medardo Rosso e la fondazione dell’Hecker Standard per la due diligence d'arte

    François Pinault VS Bernard Arnault

    François Pinault e Bernard Arnault, tra i due uomini più ricchi della Francia, sono rivali in affari, ma hanno una passione comune che li unisce: quella del collezionismo d’arte. 

    Related articles