Cos’è il Diritto di Seguito? Applicazione e calcolo in Italia, il caso SIAE

    E se dopo la vendita della tua opera d’arte potessi continuare a guadagnare?

    Ecco come!

    Il Diritto di Seguito, è il compenso economico che gli artisti vivi e/o i loro eredi ricevono sulla vendite delle opere dal secondo scambio in poi, entro i 70 anni dalla morte degli autori.

    Esiste in varie nazioni, ad esempio in Francia con il “Drot de suite” , ed ognuna ha simile concetto di base e funzionamento ma varia in norme, regolamenti e percentuali di riscossione, in Italia il Diritto di Seguito (DdS) è affidato alla SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori)  società di gestione collettiva del diritto d’autore, che si occupa dell’intermediazione dei diritti d’autore.

    Vediamo quindi il caso Italiano…

    Il diritto di seguito (decreto legislativo 13 febbraio 2006, n. 118) rappresenta una tutela per l’artista e i suoi eredi fino a 70 anni dopo la sua morte, applicabile dopo tre anni dalla prima vendita di un’opera, il cui valore deve essere pari o superiore ai € 3.000.

    La SIAE è l’Ente incaricato di percepire il diritto di seguito per conto di tutti gli artisti, anche se non direttamente associati, trattenendo il 17% quale provvigione, come determinato dal Mibact fino all’8 aprile 2018.

    Per usufruire di questo importante diritto è necessario che vengano rispettati alcuni punti:

    • Il diritto di seguito si applica solo alle vendite effettuate da professionisti del mercato dell’arte (gallerie d’arte, case d’asta, mercanti d’arte) in qualità di venditori, acquirenti oppure intermediari;
    • Le vendite che avvengono tra privati sono escluse dall’applicazione;
    • Il diritto di seguito è sempre a carico del venditore;
    • Il compenso che l’artista percepisce non può mai essere superiore ai € 12.500;
    • Il professionista che effettua la vendita è tenuto entro novanta giorni dalla stessa a presentare alla SIAE una dichiarazione di vendita avvenuta e a versare il corretto importo.

    A questo punto è bene chiarire che, il diritto di seguito viene calcolato sulla base del prezzo di vendita dell’opera, applicando una percentuale che decresce in proporzione all’aumentare del valore, come mostrato nello schema qui di seguito:

    • 4% per la parte del prezzo di vendita compresa tra i € 3.000 e € 50.000;
    • 3% per la parte del prezzo di vendita compresa tra € 50.000 e € 200.000;
    • 1% per la parte del prezzo di vendita compresa tra € 200.000 e € 350.000;
    • 0,5% per la parte del prezzo di vendita compresa tra € 350.000 e € 500.000;
    • 0,25% per la parte del prezzo di vendita superiore a € 500.000.

    Per maggiori informazioni vedi la pagina dedicata della SIAE sul Diritto di Seguito.

    E’ bene che gli artisti acquisiscano consapevolezza dei loro diritti e delle specifiche di applicazione, come nel caso del diritto di seguito, per proseguire con costanza e serenità la vendita delle proprie opere.

    Latest articles

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Intervista a Sharon Hecker Storica dell’Arte e Curatrice – ProfessioneARTE.it

    Intervista a Sharon Hecker, storica dell'arte con oltre 30 pubblicazioni su Medardo Rosso e la fondazione dell’Hecker Standard per la due diligence d'arte

    François Pinault VS Bernard Arnault

    François Pinault e Bernard Arnault, tra i due uomini più ricchi della Francia, sono rivali in affari, ma hanno una passione comune che li unisce: quella del collezionismo d’arte. 

    Related articles