Il legame tra Archivi d’Artista e Gallerie

    IL LEGAME TRA ARCHIVI D’ARTISTA E GALLERIE

    Gli Archivi d’Artista ricoprono un ruolo fondamentale per il sistema e il mercato dell’arte, che oggi vede il supporto anche delle gallerie d’arte.

    Scopriamo in che modo

    Photo Credits: MoMa of New York

    Gli Archivi d’Artista hanno compiti non affatto semplici: accogliere, acquisire, registrare e documentare, queste tra le azioni chiave che ne determinano il loro valore per la comunità dell’arte e punto di riferimento per i collezionisti. 

    Portare avanti le attività di un Archivio richiede un team di professionisti, insieme a un network di conoscenze e budget che spesso mancano nella maggior parte dei casi.

    Oggi e sempre di più, gli Archivi d’Artista necessitano di un’evoluzione, seguendo le potenzialità delle nuove tecnologie come la digitalizzazione, vera chiave di volta per una gestione in progress e una condivisione dei dati quasi immediata, ma in totale privacy e sicurezza, come quella offerta dalla piattaforma Art Rights. 

    Ecco allora che un Archivio d’Artista “avanzato” deve dimostrare di essere in grado di agire con professionalità, strumenti e metodologie che permettono di diventare attori protagonisti nella gestione delle informazioni, non più e soltanto esperti da consultare per verificare l’autenticità delle opere a favore di terzi. 

    Si tratta di un compito arduo e di non facile attuazione per un gran numero di Archivi d’Artista.

    Per questo negli ultimi anni gli Archivi d’Artista hanno trovato nelle gallerie d’arte, ma non solo, veri e propri alleati, anche quando gli eredi decidono di rinunciare alla gestione del lascito, per attività di management, valorizzazione e promozione unita alla vendita. 

    Le gallerie d’arte che gestiscono, totalmente o in parte, un Archivio d’Artista, sono in crescita e tra le più note troviamo:

      • Pace Gallery, in collaborazione con la divisione Art Agency Partners di Sotheby’s per Vito Acconci
      • David Zwirner per Ruth Asawa, Joan Mitchell, Josef Albers e Diane Arbus
      • Hauser & Wirth rappresenta oltre 20 archivi tra cui Philip Guston, Arshile Gorky e Gunther Forg
      • Dep Art Gallery per l’artista Turi Simeti

    Ma in che modo e con quali attività le gallerie d’arte possono supportare gli Archivi d’Artista?

    A seconda della dimensione e del valore della galleria, questa può garantire:

    • Staff interni specializzati e dedicati alle attività legate all’archivio;
    • Servizi e professionalità dedicate come registrar, assicuratori, consulenti legali e fiscali, restauratori;
    • Promozione e vendita delle opere nelle fiere d’arte;
    • Organizzazione di mostre nei propri spazi;
    • Creazione di opportunità di collaborazione in contesti ufficiali quali musei ed istituzioni;
    • Realizzazioni di pubblicazioni quali cataloghi di mostre o “ragionati”;
    • Organizzazione dell’archivio delle opere e del magazzino. 

    La collaborazione con l’Archivio, permette così alla galleria che si fa carico della sua gestione in accordo con gli eredi, di diventare punto di riferimento per il mercato e per i collezionisti che si rivolgeranno a loro per acquisire o vendere opere, così come per i musei e le istituzioni interessate a prestiti o pubblicazioni.

    La partnership tra Archivi d’Artista e gallerie d’arte è una realtà consolidata da tempo, ma che oggi porta a nuovi scenari ancora in divenire.

    E tu, conoscevi il legame tra Archivi d’Artista e Gallerie d’arte?


    Se anche tu vuoi creare il tuo Archivio d’Artista Digitale, prova subito Art Rights, la prima piattaforma per la gestione e la certificazione di opere d’arte basata sulla tecnologia Blockchain

    spot_img
    spot_img
    spot_img

    Latest articles

    spot_img

    Vuoi diventare un Crypto Artist?
    Vuoi creare le tue opere
    d'arte in NFT?

     Art Rights offre un nuovo servizio unico nel suo genere, per creare GRATUITAMENTE gli NFT delle tue opere in pochi e semplici step

    Related articles