Il ruolo dell’art advisor

    UNA “GUIDA” AL MERCATO DELL’ARTE

    Oggi il mercato dell’arte è un mondo complesso e di difficile interpretazione, caratterizzato da una serie di problematiche specifiche, come il pericolo di opere false o di errata attribuzione.

    Per il collezionista inesperto, acquisire nuove opere e gestire la propria collezione in totale sicurezza diventa un problema rilevante.

    Per questo diventa importante conoscere e affidarsi a figure professionali specifiche in grado di evitare i principali rischi, tra queste gli Art Advisor.

    In risposta alla sempre maggiore complessità del mercato dell’arte, sono nate nuove figure professionali, in grado di far fronte alla necessità di tutela e trasparenza da parte dei diversi players di settore.

    Tra queste l’Art Advisor, professionista con il compito di affiancare il collezionista nella creazione, gestione e valorizzazione della propria raccolta, come fosse una vera e propria “guida”.

    L’Art Advisor infatti supporta sia i giovani collezionisti che vogliono iniziare ad acquisire opere, sia i collezionisti più esperti che intendono incrementare la propria collezione o vendere le proprie opere in sicurezza.

    All’Art Advisor si riconoscono cinque principali compiti:

    • Garantisce competenze storico-artistiche e conoscenza approfondita del mercato, rimanendo sempre aggiornato sui trend finanziari
    • Verifica la provenance e l’autenticità di un’opera d’arte, svolgendo la due diligence
    • È in grado di fare valutazioni economiche sulle opere d’arte
    • Ottimizza finanziariamente la gestione delle opere d’arte, con attenzione alle modalità di valorizzazione, circolazione, conservazione, trasporto o assicurazione
    • Supporta e affianca il collezionista in occasione di nuovi investimenti

    Questa figura può lavorare quindi come consulente indipendente o per studi legali e grandi banche d’investimento. Sempre più spesso, infatti, le grandi banche aprono dipartimenti di Art Advisory, con l’obiettivo di fidelizzare i propri clienti, sempre più orientati negli investimenti in passion asset come l’arte piuttosto che in azioni e obbligazioni.

    Sebbene non esista un vero e proprio percorso di studi, l’Art Advisor si forma attraverso una lunga esperienza lavorativa in realtà operanti nel settore finanziario e commerciale dell’arte, come case d’asta, gallerie d’arte e istituzioni pubbliche o private.

    Per avere un focus specifico sulle competenze dell’Art Advisor, le modalità di approccio al mercato dell’arte e la corretta gestione di una collezione d’arte scopri il videocorso dell’art advisor Massimo Paolo Maria Vecchia su ProfessioneARTE.it

    E tu, sei pronto a scoprire i professionisti dell’arte?

    Latest articles

    50 anni di Art Basel: la storia di un mito

    Art Basel non è una semplice fiera, ma è LA fiera, probabilmente la più importante del sistema dell’arte nel mondo.

    Il legame tra Archivi d’Artista e Gallerie

    Gli Archivi d’Artista ricoprono un ruolo fondamentale per il sistema e il mercato dell’arte, che oggi vede il supporto anche delle gallerie d’arte.

    Intervista a Domenico Filipponi, Art Advisor per Cordusio Fiduciaria – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista, in collaborazione con ProfessioneARTE.it, Domenico Filipponi ci parla della figura dell'art advisor oggi, vero e proprio "ago della bilancia" del mercato dell'arte

    Via le vetrine dai musei… PARTE II di Roberto Concas

    Lo storico dell'arte e museologo Roberto Concas ci illustra un nuovo modo di concepire le vetrine, elemento dello storytelling museale

    Related articles