La Collezione d’Arte di Massimo Bottura

    LA COLLEZIONE MASSIMO BOTTURA

    Lo chef con la passione per l’arte

    L’ingrediente più importante del futuro è la Cultura”: per questo Massimo Bottura ha fatto dell’arte una filosofia di vita e imprenditoriale.

    Massimo Bottura, vulcanico chef e fondatore dell’Osteria Francescana di Modena, premiata con tre Stelle Michelin ed eletto per ben due volte (2016 e 2018) il migliore ristorante del mondo nella classifica The World’s 50 Best Restaurants, condivide insieme alla moglie Lara Gilmore non solo una filosofia etica per la cucina, ma una passione straordinaria per l’arte.

    L’amore per l’arte e il collezionismo muove la coppia a cimentarsi in nuovi progetti che vedono il loro gusto e la visione del bello concretizzarsi in iniziative imprenditoriali destinate ad avere successo. 

    Lo chef stellato ama collezionare opere d’arte e vecchi dischi in vinile, e spiega che “collezionare non riguarda il possesso, ma la volontà di preservare e condividere, perché il desiderio di circondarsi di arte sia uno stimolo a guardare il mondo da un’altra prospettiva“.

    La collezione d’arte di Bottura inizia nel 1995, ma la prima vera opera d’arte contemporanea è stata acquisita nella galleria modenese di Emilio Mazzoli, tutt’ora suo grande amico, con un’opera dell’artista Marco Cingolani. Nel tempo la raccolta cresce, basata non tanto sull’impulso del possedere oggetti, quanto sul lasciarsi travolgere dalle opere e dagli artisti con i quali Bottura e sua moglie creano legami di amicizia indissolubili come quello con JR, Maurizio Cattelan, Maurizio Nannucci, Simon Sterling, Carlo Benvenuto, tra gli artisti più amati, Vik Muniz o Shirin Neshat.

    Il piatto dello Chef chiamato “Oops mi è caduta la crostata al limone”, ispirato all’arte contemporanea

    Il parterre de rois di Bottura potrebbe far invidia a molti musei internazionali, infatti include opere di arte moderna e contemporanea con artisti del calibro di Joseph Beuys, Michelangelo Pistoletto, Sandro Chia, Enzo Cucchi, Mimmo Paladino, Vanessa Beecroft, Mario Schifano, Jonas Wood, Cindy Sherman, Shirin Neshat, Julie Mehretu o Tracey Emin, che trovano spazio nei luoghi più vissuti dalla Famiglia Bottura come le case e i ristoranti in una continua osmosi di ispirazione.

    Infatti il rapporto tra il buono e il bello è pulsante nella vision di Bottura, tanto da decidere di esporre la sua collezione d’arte nei suoi ristoranti – che incarnano il concetto etico del Refettorio – dove la qualità del cibo è anche la qualità delle idee.

    Non mancano ristoranti che portano addirittura il nome di alcune opere d’arte come quello di Dubai chiamato “TORNO SUBITO”, ispirato al titolo di un’opera di Maurizio Cattelan del 1989 – una sorta di happening che consacra il successo dell’artista, agli inizi della sua carriera.

    Vera eccellenza del connubio tra arte e ristorazione è l’Osteria Francescana, dove l’arte trova posto non solo alle pareti, ma anche negli straordinari piatti liberamente ispirati alle opere. Tanti i nomi degli artisti coinvolti come Marcel Wanders, Dan Colen, Giuliano Della Casa e perfino Damien Hirst. 

    Massimo Bottura via Larry’s List

    A pochi chilometri dall’Osteria Francescana Massimo e Lara hanno inaugurato Casa Maria Luigia, un resort con l’anima di un museo. Arte contemporanea, design, musica, vintage e antiquariato sono i veri protagonisti degli spazi, che al loro interno ospitano preziose opere d’arte come il trittico in Lego di Ai Weiwei, “Dropping a Han Dynasty Urn”, in cui il performer è raffigurato mentre infrange un vaso cinese di duemila anni. Quest’opera è molto significativa per Bottura, metafora del suo processo creativo che vede l’arte come la cucina: “Per evolversi il cuoco/artista deve avere uno sguardo al passato e la volontà di ricreare il futuro“.

    L’interesse di Massimo Bottura per l’arte non si esaurisce col collezionismo. 

    Nel 2019 infatti è stato curatore d’eccezione per l’asta “Contemporary Curated” di Sotheby’s, selezionando alcuni dei suoi pezzi preferiti tra gli oltre 300 lotti in vendita. Tra i nomi scelti Alighiero Boetti, Michelangelo Pistoletto, Ugo Rondinone o ancora Alex Katz.

    Inoltre, il suo amore per l’arte è tale da essersi fatto un tatuaggio con l’opera di Nannucci “No More Excuses”, scritta al neon che compare anche all’ingresso di uno dei suoi Refettori.

    E tu, conoscevi la passione di Massimo Bottura per l’arte?

    Latest articles

    Intervista a Domenico Filipponi, Art Advisor per Cordusio Fiduciaria – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista, in collaborazione con ProfessioneARTE.it, Domenico Filipponi ci parla della figura dell'art advisor oggi, vero e proprio "ago della bilancia" del mercato dell'arte

    Via le vetrine dai musei… PARTE II di Roberto Concas

    Lo storico dell'arte e museologo Roberto Concas ci illustra un nuovo modo di concepire le vetrine, elemento dello storytelling museale

    La collezione d’arte della British Airways

    La collezione d’arte della British Airways è una delle Corporate Art Collection più importanti d'Inghilterra, nata per supportare l’arte contemporanea

    Intervista a Maria Chiara Valacchi Critica d’arte, Curatrice indipendente e Art Writer – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista Maria Chiara Valacchi racconta i suoi esordi nel mondo dell’arte, per scelta e per passione sin da bambina, il cambiamento verso la dinamicità della critica e della curatela

    Related articles

    Previous articleLe Private Sales
    Next articleArte e Corsi Online

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here