Le regole del mercato dell’arte: il caso Damien Hirst

    Nel 2008 Damien Hirst ha ribaltato le regole del mercato dell’arte.

    Scopriamo come…

    Damien Hirst è l’artista contemporaneo che nel bene o nel male tutti conoscono.

    Emerso negli anni ’80 tra gli Young British Artists sponsorizzati e portati al successo dal pubblicitario e collezionista Charles Saatchi, è autore dello squalo tigre imbalsamato dal titolo L’impossibilità fisica della morte nella mente di un essere vivente venduto per 12 milioni di dollari nonché autore del teschio umano Per l’amor di Dio ricoperto da 8.601 diamanti  prodotto per 14 milioni di sterline e poi venduto alla cifra vertiginosa di 50 milioni di sterline.

    Damien Hirst è un’artista evidentemente attento al mercato, tanto da intervenire nella immediatezza dei catastrofici 15 e 16 settembre 2008 in cui venne dichiarata la bancarotta dalla Lehmann Brothers.

    L’artista, in accordo con la casa d’aste Sotheby’s, presentò in due sessioni di vendita 300 opere circa, aggirando il suo mercante d’arte di allora Jay Jopling e la galleria di rappresentanza Gagosian.

    La portata innovativa di quest’asta dal titolo Beautiful Inside My Head Forever era stata quella di ribaltare completamente i ruoli del mercato, andando anche contro le regole dello stesso, dove la presenza di opere in asta avviene solo dopo che queste sono passate nel mercato primario della vendita in galleria; in asta erano presenti anche opere appena uscite dallo studio di Hirst e per questo i collezionisti (compresi speculatori del settore arte) non se le sono di certo lasciate scappare.

    Mercanti e galleristi furono “costretti” a partecipare all’asta, considerando che un risultato negativo delle sessioni di vendita avrebbe fatto perdere valore al loro cospicuo stock di opere di Hirst e provocato la sfiducia da parte dei collezionisti.

    Il risultato? Si dimostrò clamorosamente positivo con una vendita pari a 111 milioni di sterline, la quasi totalità delle opere vendute e nessuna commissione richiesta da Sotheby’s a Damien Hirst, assicurandosi per entrambi il privilegio di entrare nella storia dell’economia dell’arte.

    A questo punto penserete “Ecco, Damien Hirst è stato più furbo di tutti, aggirando le regole del mercato, il suo gallerista e il suo mercante”. Beh non c’è dubbio che Hirst, già ricco e famoso prima dell’asta, lo sia diventato ancora di più.

    Solitamente ciò che accade è esattamente l’opposto: gallerie, mercanti d’arte e collezionisti propongono in asta una selezione di opere di un artista, appartenenti al secondo mercato, al fine di mantenere il valore o aumentarlo anche grazie a rilanci in corso d’asta concordati.

    Purtroppo per lui, negli anni a seguire, gli scambi delle sue opere sul mercato sono notevolmente diminuite, costringendo i suoi collezionisti a non rivendere le opere per paura di vedere il prezzo pagato ridotto in modo considerevole.

    Damien Hirst nel 2012 rompe i rapporti con Gagosian, recuperandoli solo nel 2016 dopo che dal 2008 le sue opere si sono svalutate anche del 70%.

    Violare le regole non paga, in un mercato dell’arte che vive su un delicato equilibrio di ruoli dove tutti i suoi protagonisti concorrono a creare valore culturale ed economico per un artista e le sue opere, inutile quindi fare i “furbi” perché la débâcle è sempre dietro l’angolo…

    Per scoprire i segreti dei più importanti galleristi non perdetevi la collana eBook dal titolo i “Segreti dell’Arte” di Art Rights Magazine:

    E tu, sei pronto a seguire le regole del mercato dell’arte?

    Scopriamo l’interessante video di Andrea Concas sul tema…

    Latest articles

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Intervista a Sharon Hecker Storica dell’Arte e Curatrice – ProfessioneARTE.it

    Intervista a Sharon Hecker, storica dell'arte con oltre 30 pubblicazioni su Medardo Rosso e la fondazione dell’Hecker Standard per la due diligence d'arte

    François Pinault VS Bernard Arnault

    François Pinault e Bernard Arnault, tra i due uomini più ricchi della Francia, sono rivali in affari, ma hanno una passione comune che li unisce: quella del collezionismo d’arte. 

    Related articles