Online Viewing Room

    LE ONLINE VIEWING ROOM

    I VANTAGGI PER LE GALLERIE D’ARTE

    Il mercato dell’arte, a causa del COVID-19, affronta una nuova sfida e non si ferma, diventando virtuale grazie alle online viewing rooms.

    Le Online Viewing Rooms sono sale virtuali che vanno a ricreare ambienti esistenti o inediti per esporre opere d’arte e favorire la “visita” online in occasione di fiere, mostre o grandi esposizioni per collezionisti, operatori di settore o amanti dell’arte.

    Dopo la chiusura di fiere e gallerie d’arte in tutto il mondo, ad oggi le online viewing rooms offrono la concreta possibilità di rendere fruibili le opere, diventando nuovi canali di vendita per il mercato dell’arte. 

    L’ha capito Art Basel Hong Kong, prima fiera ad essere annullata, che a fine marzo ha inaugurato la sua edizione digitale grazie alle online viewing rooms, con la partecipazione di 233 espositori.

    I risultati sono stati importanti in termini di vendite e visitatori virtuali: Art Basel ha attirato oltre 250.000 visitatori (la scorsa edizione della fiera aveva registrato circa 88.000 visitatori) che hanno potuto visionare oltre 2.000 opere d’arte, per un valore complessivo di circa 253 milioni di dollari. 

    Prima di Art Basel Hong Kong, nel 2017 è il gallerista tedesco David Zwirner a lanciare l’utilizzo delle online viewing rooms, realizzando ben 55 mostre online, seguito da Gagosian l’anno dopo.

    Zwirner scoprì il potenziale della piattaforma dopo aver previsto la crescita del mercato online, intuizione lungimirante che ha trovato riscontro nell’ultimo report rilasciato da Art Basel e UBS a cura di Clare McAndrew.

    Oggi sempre più gallerie si stanno adattando alla “rivoluzione digitale” in atto nel mondo dell’arte per evitare il collasso economico.

    In questi giorni, non mancano iniziative a sostegno delle piccole gallerie, come quella promossa sempre da Zwirner chiamata PLATFORM, che vede la condivisione di una gallery virtuale con 12 giovani gallerie di New York per 1 mese, che possono gestire direttamente le richieste e le vendite senza versare fee di partecipazione o commissioni sulle opere vendute.

    Sebbene l’esperienza di visita virtuale dello stand di una galleria in fiera o quella di una mostra tramite online viewing rooms non potrà mai sostituire quella fisica, al momento, è l’unica alternativa in grado di portare alcuni benefici. 

    Vediamoli nel dettaglio:

    COLLEZIONISTI DA TUTTO IL MONDO

    L’online consente a una nuova rete di collezionisti di emergere da più parti nel mondo, là dove la galleria non ha sede e non è solita vendere. Inoltre con la nascita di nuove fiere d’arte, è emersa prepotentemente quella che molti collezionisti e professionisti hanno chiamato “fairtigue”, condizione di esaurimento causato dalla partecipazione a troppe fiere, per le quali le visite virtuali potrebbero essere un toccasana.

    MAGGIORI INFORMAZIONI DARAI, PIÚ VENDITE AVRAI

    Le online viewing rooms non solo permettono di visionare e acquisire opere d’arte, ma offrono l’opportunità di approfondire la conoscenza delle opere e degli artisti grazie a contenuti extra come video, interviste, letture critiche, biografie e persino tour virtuali.

    ONESTÀ, TRASPARENZA, PRIVACY

    Contrariamente a quanto accade nelle fiere, le online viewing rooms mostrano chiaramente i prezzi delle opere, rendendo il mercato, solitamente definito opaco, più trasparente e accessibile. Inoltre permettono anche ai collezionisti più in vista, di vedere quante più opere possibili passando da una stanza virtuale all’altra, per poi effettuare i propri acquisti in totale privacy.

    SOSTENIBILITÁ PER L’AMBIENTE

    Le preoccupazioni ambientali sono diventate il nuovo imperativo anche per il mondo dell’arte. Privilegiare l’online significa ridurre drasticamente l’emissione di carbonio derivata, ad esempio, dal trasporto aereo e dalle spedizioni in fiera.

    VANTAGGI PER LE GALLERIE LOW BUDGET

    La presenza online potrebbe essere una soluzione salvifica per le gallerie low budget, andando così a investire il proprio budget nello sviluppo di risorse digitali, riducendo le ingenti spese sostenute per la partecipazione alle fiere in tutto il mondo.

    E tu, sei pronto a scoprire le potenzialità dell’online?

    Latest articles

    Intervista a Domenico Filipponi, Art Advisor per Cordusio Fiduciaria – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista, in collaborazione con ProfessioneARTE.it, Domenico Filipponi ci parla della figura dell'art advisor oggi, vero e proprio "ago della bilancia" del mercato dell'arte

    Via le vetrine dai musei… PARTE II di Roberto Concas

    Lo storico dell'arte e museologo Roberto Concas ci illustra un nuovo modo di concepire le vetrine, elemento dello storytelling museale

    La collezione d’arte della British Airways

    La collezione d’arte della British Airways è una delle Corporate Art Collection più importanti d'Inghilterra, nata per supportare l’arte contemporanea

    Intervista a Maria Chiara Valacchi Critica d’arte, Curatrice indipendente e Art Writer – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista Maria Chiara Valacchi racconta i suoi esordi nel mondo dell’arte, per scelta e per passione sin da bambina, il cambiamento verso la dinamicità della critica e della curatela

    Related articles