Scopri come vengono organizzate le aste di opere d’arte

    VUOI VENDERE O AGGIUDICARTI OPERE D’ARTE IN ASTA?

    Scopri i retroscena di come viene creata ed organizzata un’asta di opere d’arte, per sapere quando è arrivato il momento di fare la tua offerta…

    Le Case d’Asta, tra le maggiori Sotheby’s  e Christie’s, sono “potenti” strutture che operano per la vendita pubblica di opere d’arte a livello internazionale che hanno un valore artistico ed economico già consolidato da mantenere nel tempo o aumentarlo.

    Una casa d’aste vende opere d’arte rare e introvabili nel circuito delle gallerie d’arte, scovate da esperti specializzati che lavorano nei diversi dipartimenti interni, con l’obiettivo di creare il momento della vendita attraverso una serie di passaggi fondamentali e utili a garantire la presenza di lotti di alto livello.

    Ecco le fasi che le case d’asta utilizzano per creare un’asta di opere:

    • Ricerca delle opere
    • Rapporti di fiducia con i clienti
    • Proposte di vendita: stima di partenza, marketing, commissioni
    • Programmazione dell’asta
    • Stesura del Catalogo dell’asta

    La ricerca delle opere da parte della casa d’aste si rivela fondamentale e per fare questo è necessario avere rapporti di fiducia continuativi con clienti e collezionisti da mantenere nel tempo. Dietro ad ogni opera c’è una storia personale da scoprire, che gli esperti della casa d’aste devono conoscere e rispettare per apprezzare il momento nel quale saranno a loro affidate.

    Nel momento in cui gli esperti specializzati della casa d’aste ritengono che ci siano le condizioni migliori per inserire un’opera sul mercato, vengono fatte proposte di vendita al cliente che la possiede, spiegando il perché si ritiene importante metterla in vendita in quel determinato momento. La proposta prevede di stabilire la stima di partenza dell’oggetto d’arte con l’obiettivo di raggiungere il prezzo finale più alto durante l’asta, ricordando che a questo si dovranno aggiungere i costi del marketing che accompagneranno l’opera fino alla data dell’asta e le commissioni della casa d’aste.

    La programmazione dell’asta avviene con grande anticipo e in determinati periodi dell’anno, diventati appuntamenti fissi per il mondo dell’arte. Le case d’asta, seguendo la suddivisione interna per dipartimenti, inseriscono le opere selezionate per la vendita all’incanto nei lotti dedicati a tematiche o periodi artistici: immancabili le aste di “Impressionist and Modern Art Sale” e “Post War & Contemporary Art Sale” condensate a maggio e novembre a New York e a febbraio, giugno e ottobre a Londra o ancora le “Italian Sale” che si svolgono ancora in ottobre a Londra sempre da parte di Christie’s e Sotheby’s, focalizzandosi su una selezione di grandi nomi del mercato internazionale dell’arte italiana.

    La fase finale di creazione di un’asta di opere d’arte prevede la stesura del Catalogo dell’asta, strumento molto importante, consultabile online o acquistabile, che racchiude tutte le immagini e le informazioni in successione strategica per valore economico e impatto estetico.

    Ogni opera viene fotografata rispettando fedelmente i colori originali mentre le informazioni, se dettagliate, con provenienza tracciabile e stato di conservazione ottimale, rappresentano le condizioni fondamentali che la rendono appetibile per i clienti interessati.

    La successione delle opere all’interno del catalogo dell’asta è fondamentale: corrisponde alla sequenza dei lotti in vendita con la quale il banditore crea un’atmosfera frizzante per mantenere un livello di attenzione sempre alto negli acquirenti.

    Attenzione alla copertina del catalogo dell’asta: è lì che si trova il “cavallo di battaglia”, l’opera più rilevante tra tutti i lotti, scelta strategicamente dagli esperti, perché sarà quella che avrà il maggiore incremento di prezzo nel corso della vendita. Perché non tutti sfogliano il catalogo, ma molti vedranno solo la copertina con Fontana, Koons o Manzoni.

    Il giorno dell’asta delle opere d’arte l’adrenalina sarà coinvolgente, per questo conoscerne le fasi di realizzazione, vi permetterà di essere lucidi nel momento in cui deciderete di partecipare.

    Ecco un elenco di alcune importanti Case d’Asta:

    Se sei invece interessato a vendere le tue opere d’arte in asta, scopri come farlo i 3 semplici fasi.

    Sei pronto a fare la tua offerta?

    Latest articles

    La strategia delle aste online

    Le case d'asta come Sotheby's e Christie's stanno sperimentando le aste online attraverso le online viewing room con risultati davvero sorprendenti

    La regola delle 3D nel mercato dell’arte

    La regola delle 3 D sta alla base della vendita delle opere d’arte da parte di un collezionista o dei suoi eredi. Ma attenzione agli ostacoli...

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Related articles