I falsi nel mondo dell’arte

    I CASI IN ITALIA

    Gli esperti del Fine Art Expert Institute di Ginevra (FAEI) hanno stimato che più della metà delle opere d’arte in circolazione siano false.

    In Italia i recenti casi evidenziano questo problema del mercato dell’arte.

    Nulla è più doloroso e sconcertante, per un appassionato collezionista d’arte scoprire che l’opera tanto desiderata e acquistata, si rivela essere “un falso”.

    Qualche settimana fa in Italia, la cronaca ha riportato l’ennesima notizia legata a opere d’arte false immesse sul mercato, per un giro d’affari di milioni di euro.

    L’ultimo caso riguarda una meravigliosa tela estroflessa di Enrico Castellani, grande artista del Dopoguerra.

    La denuncia di un collezionista italiano, esperto appassionato delle opere di Castellani, ha dato avvio all’indagine nel 2014, venendo a galla sulla stampa nei giorni scorsi.

    Nell’indagine si racconta siano coinvolti alcuni galleristi, macchiando ancora una volta il mercato dell’arte italiano.

    Altro caso emerso è quello relativo alle opere di Eduarda Emilia Maino, da tutti conosciuta come Dadamaino.

    Le indagini dei Carabinieri del Nucleo di Tutela Patrimonio Culturale di Monza, avrebbero evidenziato il coinvolgimento di alcuni componenti dell’Archivio dell’artista italiana, oltre a gallerie di Milano, Lodi e Asti.

    Lo scandalo che ha colpito il mercato delle opere di Dadamaino, con grave danno, ha registrato uno scambio di opere a livello nazionale e internazionale quantificabile in un valore di circa 20 milioni di euro.

    Gli investigatori hanno indicato un totale di 462 opere false di cui appena 90 sequestrate in Italia, mentre altre 372 opere mancano all’appello, probabilmente  ancora appese alle pareti di ignari collezionisti.

    Tali notizie danneggiano quasi irrimediabilmente le vendite di opere d’arte degli artisti falsificati e non solo.

    Le nuove tecnologie vengono in questo caso in soccorso di artisti, collezionisti, musei e archivi.

    Art Rightscon l’utilizzo della Blockchain, ne è l’esempio più attuale.

    Si tratta infatti di una nuova tecnologia digitale che permette incorruttibilità e decentralizzazione delle informazioni, dati criptati, con salvaguardia di privacy e sicurezza a tutela dell’intera filiera dell’arte.

    L’auspicio è quello di un’evoluzione per l’intero settore economico dell’arte, in termini di tutela e valorizzazione del patrimonio artistico, con un’attenzione sempre più alta nel trovare soluzioni a supporto della gestione e della certificazione delle opere d’arte.

    Proteggete attentamente la vostra arte per proteggere anche i vostri “valori”.

    Siete pronti a proteggere la vostra arte?

    Latest articles

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Intervista a Sharon Hecker Storica dell’Arte e Curatrice – ProfessioneARTE.it

    Intervista a Sharon Hecker, storica dell'arte con oltre 30 pubblicazioni su Medardo Rosso e la fondazione dell’Hecker Standard per la due diligence d'arte

    François Pinault VS Bernard Arnault

    François Pinault e Bernard Arnault, tra i due uomini più ricchi della Francia, sono rivali in affari, ma hanno una passione comune che li unisce: quella del collezionismo d’arte. 

    Related articles