Le artiste donne alla Galleria Nazionale di Roma: progetto digitale Women Up

    Le artiste donne alla Galleria Nazionale di Roma: progetto digitale Women Up

    Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma indaga sulle donne nell’arte con il progetto digitale Women Up insieme a Google Arts & Culture

    Sotto la direzione di Cristiana Collu, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma è impegnata in un percorso di valorizzazione dell’arte delle donne

    Nel 2020 è stata condotta una ricerca sulle artiste della Galleria Nazionale di Roma attraverso un’analisi delle collezioni, delle acquisizioni e delle mostre temporanee: 251 sono le artiste in collezione, il 10% del totale, con 517 opere e 26 paesi di provenienza.

    Fino al 2014 si acquistavano solo tre opere di artiste donne ogni anno. Dal 2015, anno dell’arrivo della Collu, a oggi sono diventate 16 ogni anno. Il 20% è entrato in collezione e nel 2019 le opere di artiste sono diventate il 30% del totale delle acquisizioni.

    Dal 2016 ad oggi, una mostra personale su 4 è dedicata a una donna e nelle collettive la presenza femminile media è del 25%.

    Le artiste vengono valorizzate dalla Galleria Nazionale di Roma non solo attraverso le mostre temporanee e le opere in collezione, ma anche grazie a progetti speciali volti ad indagare l’universo femminile nell’arte.

    A luglio 2020, la Galleria Nazionale ha lanciato Women up”, un programma ricco e articolato che mette insieme sguardi, linguaggi e voci diverse per sottolineare il ruolo centrale del contributo femminista nella definizione del sistema dell’arte. 

    “Con Women Up alziamo il volume delle voci”, è lo slogan dell’iniziativa, i cui contenuti sono fruibili anche online, grazie alla partnership del museo con la piattaforma Google Arts & Culture.

    Dopo un ingente lavoro di digitalizzazione di opere, talk, testi, approfondimenti, la Galleria Nazionale di Roma e Google Arts & Culture hanno portato online un programma che si compone di 139 storie e oltre 16.000 immagini e video. 

    Sulla piattaforma è possibile ascoltare le parole di esperte e critiche d’arte che guidano gli utenti alla scoperta di oltre settanta artiste, protagoniste con le loro opere della lotta per la parità di genere e per i diritti delle donne.

    Gli utenti possono ascoltare oltre 20 audio-storie, che raccontano, tra le altre le artiste Anna Maria Maiolino, Tomaso Binga alter ego di Bianca Pucciarelli  e Dorothea Tanning. È possibile scoprire l’arte di Dora Maar, fotografa e pittrice, di Meret Oppenheim, pioniera del Surrealismo, di Vanessa Beecroft con i suoi tableaux vivants.

    Una selezione della collezione del museo è stata digitalizzata in altissima risoluzione, ed è possibile osservare le opere nei loro minimi dettagli, da “Südlicher garten” di Meret Oppenheim ad “Apollo e Dafne” di Ketty La Rocca.

    Ma non è finita qui!

    Undici tra le protagoniste della mostra “I say I – Io dico Io” , la collettiva di oltre 40 artiste italiane di generazioni diverse ospitata negli spazi della Galleria Nazionale da marzo 2021 , hanno raccontato il loro lavoro, condividendo anche una riflessione sul significato dell’affermazione di Carla Lonzi da cui deriva il titolo della mostra.

    Proprio all’Archivio Carla Lonzi è dedicata un’intera sezione del progetto digitale: su Google Arts & Culture è possibile accedere ad oltre 16.000 documenti digitalizzati provenienti dall’archivio della celebre critica d’arte, scrittrice, teorica femminista. 

    Photo Credits: Elsa Martinelli – Giosetta Fioroni 1966

    E tu, sei pronto a scoprire “Women Up” della Galleria Nazionale di Roma?

    spot_img
    spot_img
    spot_img

    Latest articles

    spot_img

    Vuoi diventare un Crypto Artist?
    Vuoi creare le tue opere
    d'arte in NFT?

     Art Rights offre un nuovo servizio unico nel suo genere, per creare GRATUITAMENTE gli NFT delle tue opere in pochi e semplici step

    Related articles