Chi rilascia il certificato di autenticità?

    Non avere il certificato di autenticità di un’opera d’arte è l’incubo di ogni collezionista.

    Ma chi rilascia il certificato di autenticità?

    Scopriamolo…

    Il certificato di autenticità è il primo documento che deve essere consegnato all’atto di acquisto di un’opera d’arte, di cui riporta la paternità della creazione e contribuisce a mantenere nel tempo il valore economico.

    L’autentica è il vero e proprio passaporto dell’opera d’arte. Deve contenere una descrizione dettagliata del lavoro, nello specifico: immagine dell’opera, nome dell’artista, titolo, anno di realizzazione, specifiche tecniche (materiali utilizzati e dimensioni), numero di copie (in caso di opera fotografica o scultorea), provenienza, firma e/o timbro del soggetto che rilascia la dichiarazione.

    Il suo valore viene definito dall’art. 64 del “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio” (D.lgs. 42 del 22 gennaio 2004), il quale specifica che il documento di autenticità, rilasciato su carta semplice o sul retro della fotografia dell’opera, deve essere consegnato dal venditore professionista al collezionista al momento dell’acquisto.

    Chi rilascia il certificato di autenticità di un’opera d’arte? 

    Gli scenari sono due: vediamoli nel dettaglio.

    Se l’artista è vivente il certificato di autenticità viene rilasciato per legge dal gallerista, così come anche dall’artista stesso.

    Se l’artista non è vivente l’operazione è più complessa, perché non esiste una normativa che determini nello specifico quali siano i soggetti autorizzati a rilasciare il certificato di autenticità.

    La procedura per il rilascio del certificato, nella maggior parte dei casi, prevede che l’opera da autenticare venga valutata da chi tutela i diritti dell’artista scomparso o dal comitato scientifico della fondazione o dell’archivio, gratuitamente o a pagamento, tramite valutazione fotografica oppure se richiesto, tramite comparazione diretta con altre opere dello stesso artista e dello stesso periodo storico-artistico, seguita da uno studio calligrafico.

    Si parla di expertise e certificato di attribuzione quando autorevoli studiosi o accademici stabiliscono l’attribuzione di un’opera. 

    Si definisce autentica il documento rilasciato da eredi, archivi o fondazioni. Tuttavia, ci sono archivi che scelgono di non rilasciare l’autentica; in questo caso si parla di “autentica da archiviazione”, perché l’archivio provvede solo all’archiviazione e all’inserimento dell’opera nel catalogo ragionato. 

    Esiste anche una modalità di autenticazione “indiretta”, che si realizza quando è il collezionista che sottopone al giudizio dell’archivio l’opera acquistata. In tal caso, viene assegnato un numero d’archivio che accompagnerà il bene nei differenti passaggi di proprietà. Se l’opera è considerata falsa, il comitato d’archivio invierà una lettera al collezionista, vietando la commercializzazione dell’opera o, in casi estremi, intimando la distruzione.

    Tra le soluzioni tecnologiche disponibili a supporto della certificazione delle opere d’arte, troviamo Art Rights, la prima piattaforma di supporto alla gestione e certificazione delle opere d’arte a tutela di Artisti, Collezionisti, Gallerie e operatori di settore a favore dell’autenticità.

    E tu, sei pronto a richiedere il tuo certificato di autenticità?

    Latest articles

    La strategia delle aste online

    Le case d'asta come Sotheby's e Christie's stanno sperimentando le aste online attraverso le online viewing room con risultati davvero sorprendenti

    La regola delle 3D nel mercato dell’arte

    La regola delle 3 D sta alla base della vendita delle opere d’arte da parte di un collezionista o dei suoi eredi. Ma attenzione agli ostacoli...

    Intervista a Mauro Stefanini Gallerista e Presidente ANGAMC – ProfessioneARTE.it

    Imprenditore con la passione per l’arte, Mauro Stefanini, inizia da collezionista il suo percorso nel mondo dell’arte, focalizzando la propria attenzione verso l’arte informale italiana, la scultura, l’Espressionismo Astratto americano e l’arte del collage, scelte che ancora oggi sono ben evidenti nei progetti espositivi presentati all’interno della Galleria Open Art di Prato che compie vent’anni. Un percorso lungo il suo, per un lavoro stimolante, ma che richiede grande competenza e professionalità, senza spazio all’improvvisazione.

    Moncler e l’Arte

    Anche il brand della moda Moncler utilizza i valori dell’arte per promuoversi ed elevare la propria immagine.

    Related articles