La regola delle 3D nel mercato dell’arte

    LA REGOLA DELLE 3D NEL MERCATO DELL’ARTE

    La regola delle 3 D sta alla base della vendita delle opere d’arte da parte di un collezionista o dei suoi eredi. Ma attenzione agli ostacoli…

    Quando un collezionista decide di vendere le proprie opere d’arte? 

    Si dice che la risposta a questa domanda risieda nella regola delle 3 D: DEBITO, DECESSO, DIVORZIO.

    Death, divorce e debt sono quindi la base del mercato dell’arte.

    Infatti, quando si manifestano queste particolari condizioni i collezionisti si attivano immediatamente per recuperare immediata liquidità dismettendo singole opere d’arte o addirittura l’intera collezione.

    In caso di decesso del collezionista, saranno gli esecutori testamentari a farsi carico della raccolta, oppure gli eredi. Le procedure che seguono alla scomparsa dell’appassionato collezionista sono tantissime, ma tra le più comuni figurano: 

    • La dispersione della collezione
    • La vendita parziale o in blocco
    • La suddivisione tra eredi
    • La musealizzazione
    • La donazione

    Ma attenzione! 

    Per vendere un’opera d’arte è necessario disporre del Certificato di Autenticità e ancor meglio dell’intero corredo documentale completo e aggiornato, segnali quindi di una gestione della collezione che da’ valore alle singole opere.

    Pertanto prima di vendere, suddividere, donare o musealizzare una raccolta d’arte è necessario essere in possesso delle principali informazioni sulle singole opere, e ciò è possibile solo attraverso una buona gestione della propria collezione a partire da una corretta archiviazione, che prevede la raccolta di documenti come:

    • Certificato di autenticità
    • Fatture di acquisto
    • Contratti
    • Condition Report
    • Pubblicazioni 
    • Multimedia

    Questa documentazione è imprescindibile se si vuole che Art Advisor, Art Dealer, galleristi o case d’asta siano interessati alle opere e il cui compito sarà quello di valutare la collezione e adoperarsi per la possibile vendita o per il suo frazionamento.

    Senza un’adeguata gestione e archiviazione documentale per ogni opere, ecco che i tempi del processo di vendita saranno più lunghi, inoltre le fasi di certificazione e valutazione saranno assai più dispendiose e tra consulenze, expertise, due diligence, autentiche o richieste di archiviazione a seconda del valore artistico ed economico delle opere d’arte.

    Risulta pertanto evidente la necessità di dotarsi prima ancora del casus belli di uno strumento professionale che permetta una corretta catalogazione e archiviazione della propria collezione, che oggi diventa possibile grazie a piattaforme come Art Rights, la prima di supporto alla gestione e certificazione delle opere d’arte a tutela e favore dei Collezionisti.

    Si tratta del primo sistema gestionale che ti permette di: 

    • Catalogare e gestire la tua collezione d’arte in completa privacy;
    • Condividere le tue opere con i più grandi professionisti dell’arte, con permessi temporanei a tutela del diritto d’autore;
    • Gestire le informazioni del corredo documentale con lo storico, i valori, condition report o mostre in un unico documento sicuro, pratico e veloce, un vero e proprio Passaporto dell’opera d’arte

    E tu, sei pronto a gestire al meglio la tua collezione?


    SCOPRI ART RIGHTS

    Gestisci e certifica la tua arte in completa privacy e sicurezza grazie agli Attestati Art Rights
    Entra a far parte della più grande community dei Professionisti dell’Arte.

    PER TE SUBITO 15 GIORNI DI PROVA GRATUITA

    ISCRIVITI SUBITO

    Latest articles

    50 anni di Art Basel: la storia di un mito

    Art Basel non è una semplice fiera, ma è LA fiera, probabilmente la più importante del sistema dell’arte nel mondo.

    Il legame tra Archivi d’Artista e Gallerie

    Gli Archivi d’Artista ricoprono un ruolo fondamentale per il sistema e il mercato dell’arte, che oggi vede il supporto anche delle gallerie d’arte.

    Intervista a Domenico Filipponi, Art Advisor per Cordusio Fiduciaria – ProfessioneARTE.it

    In questa intervista, in collaborazione con ProfessioneARTE.it, Domenico Filipponi ci parla della figura dell'art advisor oggi, vero e proprio "ago della bilancia" del mercato dell'arte

    Via le vetrine dai musei… PARTE II di Roberto Concas

    Lo storico dell'arte e museologo Roberto Concas ci illustra un nuovo modo di concepire le vetrine, elemento dello storytelling museale

    Related articles

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here