Intervista a Lorenza Castelli, Giudice della Fotografia di Art Rights Prize

    Le Interviste di Art Rights Prize

    Intervista a Lorenza Castelli, Exhibition Director MIA Photo Fair – Giudice della Fotografia di Art Rights Prize

    Art Rights Magazine, Media Partner di Art Rights Prize il primo Premio Digitale Internazionale per Artisti 3.0, presenta ogni settimana i Giudici che compongono la Giuria di Esperti del Sistema e del Mercato dell’arte.

    Nell’ottica di confronto e incontro tra Artisti e Professionisti dell’Arte, la Giuria di Art Rights Prize vanta la partecipazione di 15 Giudici che offrono in anteprima la visione personale e professionale sull’importanza dei Premi d’Arte, i consigli sulle migliori modalità di presentare la propria candidatura insieme alle motivazioni che dovrebbero spingere un artista a partecipare ad un premio d’arte.

    Per gli Artisti partecipare ad un premio d’arte è occasione di visibilità, opportunità di contatto con i professionisti, raggiungimento di un nuovo pubblico. 

    Ne è convinta Lorenza Castelli, colonna portante della MIA Photo Fair di Milano e Giudice della Fotografia per Art Rights Prize.

    La Fotografia e il suo mercato del collezionismo vive un momento di grande risalto e attenzione da parte dei collezionisti, per questo gli operatori sono alla continua ricerca di talenti emergenti in grado di dare una nuova prospettiva e allargare gli orizzonti dell’immagine. 

    Nel giudicare un’opera per un Premio d’arte Lorenza Castelli tende a privilegiare l’innovazione nella ricerca sia nella modalità di produzione sia, e soprattutto, nel messaggio che l’artista intende far emergere, per conoscere meglio il Giudice ecco l’intervista completa…

    Lorenza Castelli

    Laureata in Economia e Commercio all’Università Luigi Bocconi a Milano, dopo 15 anni di esperienza nel settore della consulenza strategica e della finanza aziendale, fonda nel 2011, con il padre Fabio Castelli, MIA Milan Image Art Fair nel 2011, la prima fiera d’arte internazionale dedicata alla fotografia come linguaggio d’arte contemporanea.

    In MIA Photo Fair, ricopre il ruolo di Exhibition director e di responsabile del business development.

    Appassionata di arte e design, è collezionista di fotografia e di arte contemporanea.

    1.Per Lei, che importanza ha un Premio d’Arte nella carriera di un’artista?

    Un premio d’arte ricopre un ruolo di supporto nell’evoluzione della carriera di un artista, favorendo la promozione del lavoro degli artisti. 

    A tal proposito li sollecita in una serie di azioni che possono permettere all’artista:

    • di razionalizzare il proprio lavoro: selezionando le opere di un progetto da sottomettere per la propria candidatura, “costringendo” l’autore a riflettere sul proprio lavoro e “scegliere” in maniera consapevole con l’ottica di proporre il meglio della propria produzione
    • di entrare in contatto con curatori e galleristi d’arte che possano aiutare gli artisti a gestire e selezionare il proprio lavoro, presentandolo in maniera critica e strutturata anche al mercato del collezionismo, facendo percepire al pubblico le novità di linguaggio, di realizzazione e di messaggio ed eventualmente le riletture che l’artista propone.

    Inoltre partecipare ad un premio va visto, da ogni artista, come un’opportunità per allargare i propri orizzonti. 

    Il premio può offrire un incremento di visibilità, locale o internazionale, aspetto fondamentale per raggiungere un nuovo pubblico e accrescere la propria riconoscibilità sul mercato.

    2.Cosa consiglierebbe ad un artista che vuole partecipare ad un Premio d’Arte?

    Il primo consiglio è comprendere appieno l’obiettivo che si pone il premio. Compresi gli obiettivi, la seconda raccomandazione è quella di affrontare la propria produzione, che può essere ingente, criticamente senza la paura di “selezionare” le opere. 

    Ogni autore è geloso del proprio lavoro, perché frutto di uno sforzo importante e della propria creatività, ma è necessario creare un insieme coeso di opere che creino un progetto e soprattutto esprimano un pensiero o un messaggio che l’artista nelle proprie realizzazioni vuole indirizzare al mondo.

    3. Quali sono i fattori che tiene in considerazione nel giudicare una candidatura per un Premio d’Arte?

    Nel giudicare un’opera per un Premio d’arte tendo a privilegiare l’innovazione nella ricerca sia nella modalità di produzione sia, e soprattutto, nel messaggio che l’artista intende far emergere. 

    Cerco di intercettare le nuove tendenze che puntano ad approfondimenti e pensieri sempre più articolati, o che possano privilegiare l’uso delle nuove tecnologie con modalità sperimentali, o che creino dei “set” in cui calare i propri messaggi o che cerchino di rileggere e riattualizzare il passato e la memoria indagando il contemporaneo.

    Se sei un Artista, cosa aspetti?

    CANDIDATI SUBITO FINO AL 30 NOVEMBRE 2020 ad Art Rights Prize, il primo premio d’arte internazionale virtuale

    E tu, sei pronto per Art Rights Prize? 

    INVIA SUBITO LA TUA CANDIDATURA

    Latest articles

    Chi organizza i premi d’arte?

    Quali realtà si impegnano ad organizzare e promuovere premi d’arte? Scopriamolo insieme

    Perché rivendere un’opera d’arte rubata è difficile

    Scopriamo in questo articolo perché guadagnare dal furto di un’opera o rivendere un'opera d'arte rubata è molto complicato

    Intervista a Karen Levy, Giudice della Digital Art di Art Rights Prize

    Intervista a Karen Levy, Collezionista e Founder AIKA - Giudice della Digital Art di Art Rights Prize

    Come riconoscere la validità di un premio d’arte

    Scopriamo insieme alcuni parametri per misurare l’autorevolezza di un premio d’arte, in collaborazione con Art Rights Prize

    Related articles

    LEAVE A REPLY

    Please enter your comment!
    Please enter your name here