Home Blog

    Andrea Bonaceto in mostra a MEET tra arte, musica e poesia

    Andrea Bonaceto in mostra a MEET tra arte, musica e poesia

    Da martedì 6 dicembre 2022 MEET Digital Culture Center a Milano presenta le opere di Andrea Bonaceto, artista ed esponente del mondo blockchain, in un percorso espositivo a cura di Luisa Ausenda che culmina nella Sala Immersiva con AB INFINITE 1, aperta alla partecipazione del pubblico.

    Andrea Bonaceto. Courtesy MEET

    MEET Digital Culture Center continua il suo programma espositivo dedicato all’Arte Digitale.

    All’interno del grande spazio, presenta le opere dell’artista ed esponente del mondo Blockchain Andrea Bonaceto, in un percorso espositivo curato da Luisa Ausenda, che culmina nell’Immersive Room con l’opera AB INFINITE 1 e torna ad aprirsi al pubblico e a trasformarsi ancora.

    Il MEET viene così scandito da versi tratti dalle poesie dall’artista, il percorso comprende nuclei tematici di opere che mettono in evidenza alcuni degli elementi principali del lavoro dell’artista.

    CHI È ANDREA BONACETO

    Andrea Bonaceto è artista e imprenditore italiano. Negli ultimi anni ha sviluppato un linguaggio visivo capace di ibridarsi alle nuove tecnologie digitali.

    Da qui nascono la maggior parte delle opere in mostra, alcune delle quali sono state esposte internazionalmente.

    Bonaceto è un artista eclettico, mette in atto meccanismi che generano da una parte valore e dall’altra sostenibilità e lo fa utilizzando tutte le chiavi che il mondo digitale mette a disposizione” – afferma Maria Grazia Mattei, Fondatrice e Presidente di MEET. “Attraverso il suo lavoro, la sua ricerca e le sue proposte è possibile capire concretamente i nuovi processi in atto: in un certo senso, la sua Arte torna ad essere Sociale”.

    Andrea Bonaceto. Courtesy MEET

    LA MOSTRA A MEET MILANO

    Il percorso espositivo occupa tutto il primo piano di MEET e restituisce al pubblico un’immagine poliedrica dell’artista che spazia tra arte, musica e poesia e ci accompagna nella sperimentazione di nuove tecniche e forme espressive.

    La prima Gallery è dedicata ai Ritratti nati dalla collaborazione con Sophia the Robot, un robot umanoide creato da Hanson Robotics. Per realizzare la sua prima opera, Sophia ha osservato diversi ritratti di sé realizzati da Bonaceto e, grazie a una rete neurale, ha rielaborato le immagini e prodotto il proprio autoritratto.

    Proseguendo nel percorso, troviamo opere fisiche che dimostrano la sua qualità di pittore insieme a ritratti realizzati con un IPad: un’ibridazione di stili e linguaggi. Entriamo poi in una stanza dedicata alle Visioni.

    Idee e personaggi su uno sfondo monocolore si alternano con opere più astratte e figurative. Nell’ultima Gallery che precede l’Immersive Room, entriamo infine nell’universo poetico dell’artista. Sono proiettate le due Poesie che Bonaceto ha integrato in opere visive NFT: “La Finestra” e “Aspettando un treno a Palmira”.

    Sui monitor di MEET anche il lavoro commissionato dal Corriere della Sera.

    Bonaceto ha interpretato artisticamente la pagina del quotidiano del 1969 che annunciava “L’uomo è sulla Luna” e ha ritratto, nel suo stile, gli astronauti: Buzz Aldrin, Michael Collins e Neil Armstrong.

    Andrea Bonaceto. Courtesy MEET

    LA SALA IMMERSIVA CON AB INFINITE1

    Nella Sala Immersiva, AB INFINITE 1 si sviluppa lungo 63 metri e torna ad essere un’opera che si confronta con il pubblico.

    Dalla sua pubblicazione sul sito a maggio 2022 fino all’asta di Christie’s dove è stata battuta il 13 ottobre 2022, determinate sezioni dell’opera sono state via via soggette a cambiamenti.

    Il titolo riecheggia l’ideale dell’artista di generare un ciclo che va “AB” (dal latino da) l’infinito all’ORIGINE, simboleggiata dal numero 1.

    A MEET, grazie a 8SMICKA ART GALLERY, viene riattivato il processo di Intelligenza Artificiale sviluppato dall’artista in grado di assorbire e modificare testi e immagini che il pubblico invierà su Instagram e Twitter con l’hashtag #abinfinite1.

    PER PARTECIPARE ALLA MOSTRA CLICCA QUI

    NFT e Artisti Emergenti: terzo bookdrop di The NFT Magazine per supportarli

    NFT e Artisti Emergenti: terzo bookdrop di The NFT Magazine per supportarli

    The NFT Magazine nell’ottica di supporto ai giovani artisti emergenti nel mondo degli NFT da il via al terzo bookdrop: i collezionisti sostengono un giovane crypto artista e ricevono il libro “Crypto Art – Begins”.

    Dopo i primi 2 #BookDrops, e gli eventi dal vivo a New York e Milano con centinaia di partecipanti per la presentazione del libro fisico, The NFT Magazine continua la sua visione Phygital con il #BookDrop3 di “CRYPTO ART – Begins“, insieme a nuovi talentuosi artisti.

    Il successo dei primi due BOOKDROP ha visto protagonisti i primi 40 giovani artisti selezionati pubblicamente dalla Community, mentre ora sulla piattaforma Nifty Gateway è arrivato il BookDrop3.

    Dal 28 novembre 2022 per 15 giorni, tramite l’acquisto degli NFT, i collezionisti avranno il diritto di ricevere, un anno prima della distribuzione pubblica, l’edizione fisica di “CRYPTO ART – Begins” direttamente a casa loro, oltre a ricevere un altro NFT random creato da uno dei 20 Crypto artisti selezionati dalla call pubblica.

    Un’occasione unica per conoscere il presente e scoprire il futuro della Crypto Arte!

    COME FUNZIONA IL BOOKDROP3

    I collezionisti a partire dalle 06.30 PM ET del 28 NOVEMBRE (00.30 del 29 Novembre ora italiana) potranno mintare gli NFT BOOKDROP EDITION di “CRYPTO ART – Begins”, al prezzo di 199$.

    Cinque il totale dei drop della durata di 15 giorni che vedranno ogni volta protagonisti gli NFT di 20 giovani Crypto Artisti internazionali dei 100 di grande talento scelti dalla Community.

    Con l’acquisto dell’NFT è possibile:

    • Ricevere il libro nella sua BOOKSTORE EDITION un anno prima della distribuzione nelle librerie americane
    • Nessun costo di spedizione dell’edizione fisica del libro
    • L’accesso ad eventi, show e iniziative private con artisti, partner e curatori
    • L’accesso a eventi fisici, nel Metaverso e all’area del Readers Club, riservata agli holders di The NFT Magazine
    • Benefit per i prossimi numeri di The NFT Magazine

    Il Drop avverrà su Nifty Gateway, una delle più importanti piattaforme di Crypto Art al mondo.

    Al termine del drop, i collezionisti, acquistando l’NFT, potranno fare subito il redeem della copia fisica del libro compilando un form.

    Riceveranno inoltre un NFT random realizzato da uno dei 20 crypto artisti internazionali emergenti e di grande talento protagonisti del BOOKDROP3.

    IL LIBRO “CRYPTO ART – BEGINS”

    “CRYPTO ART – Begins” è un libro innovativo, che trova il suo spazio tra gli scaffali delle migliori librerie, bookshop e musei di tutto il mondo, così come nel Metaverso, con una mostra in realtà virtuale di tutti gli artisti coinvolti accessibile grazie ad un NFT, che ogni lettore troverà all’interno del libro e potrà riscattare gratuitamente.

    Il volume racconta dell’entusiasmante movimento della Crypto Art tramite la storia e le opere di 50 crypto artisti – tra i quali HACKATAO, Refik Anadol, Kevin Abosch, Osinachi, Federico Clapis, Giant Swan, DADA.Art – che hanno contribuito alla nascita e sono parte con i loro NFTs – Non Fungible Tokens – del presente e del futuro di questo nuovo mondo.

    Per la prima volta il volume “CRYPTO ART – Begins” mette al centro dell’attenzione gli artisti, le opere, i collezionisti, la curatela, quello che è successo e ciò che accadrà.

    Per questo Andrea Concas – Founder di The NFT Magazine – teorizza e definisce il “Sistema Crypto Arte” con il quale si va oltre le soluzioni tecnologiche, individuando i suoi protagonisti, insieme alle dinamiche che dietro questa rivoluzione intercorrono tra community, piattaforme digitali e artisti.

    Per The NFT Magazine la curatrice Eleonora Brizi – pioniera del movimento ben prima del boom mediatico – dialoga con 50 artisti alla scoperta delle loro opere attraverso interviste dalle quali emergono le visioni, le aspirazioni, le complessità, nonché i limiti di un mondo che è tutto da scoprire.

    Ma quando inizia la storia della Crypto Art? È già possibile parlare del passato della Crypto Art per comprendere quello che sta accadendo oggi?

    All’interno del libro “CRYPTO ART – Begins” è presente uno speciale contributo scritto da Martin L. Ostachowski, Artista e Storico della Crypto Arte, con il quale ripercorrere le tappe salienti di un movimento artistico ancora in divenire.

    E allora perché collezionare Crypto Art? Questa domanda è stata fatta a cinquanta appassionati collezionisti che credono nel movimento e lo supportano, parte attiva della grande Community della Crypto Art.

    Tra le pagine di “CRYPTO ART – Begins” si trovano le risposte di chi colleziona da ogni parte del mondo: ecco 50 ottimi motivi per iniziare a collezionare Crypto Art!

    CRYPTO ARTE, siamo solo all’inizio…

    PARTECIPA SUBITO AL BOOKDROP3 DI THE NFT MAGAZINE

    Bitget lancia il seed NFT con ricompense fino a 2 milioni di dollari durante la Coppa del Mondo

    Bitget lancia il seed NFT con ricompense fino a 2 milioni di dollari durante la Coppa del Mondo

    L’exchange vede crescere gli utenti mentre il sentimento del mercato  cerca una piattaforma di trading sicura e conforme.

    Bitget, exchange di criptovalute leader a livello mondiale, lancia la sua collezione di Seed NFT, insieme a ricompense interessanti e vari vantaggi, e distribuirà NFT agli holder del token FTT qualificati, durante il periodo della Coppa del Mondo.

    Con un montepremi di quasi 2 milioni di dollari, questa raccolta di NFT fa parte delle iniziative messe in atto da Bitget per assistere gli utenti colpiti dal crollo di FTX.

    Con l’obiettivo di fornire agli investitori un aiuto finanziario e, allo stesso tempo, cercare di ricostruire la loro fiducia nelle criptovalute tenendo conto dei suoi valori fondamentali: integrità e trasparenza.

    L’ultimo airdrop di Bitget per i titolari di FTT è concepito in due parti: in primo luogo, gli utenti idonei dovranno collegare il proprio portafoglio per richiedere i Seed NFT su OpenSea, e il titolare del NFT potrà poi richiedere il pacchetto di ricompense sulla piattaforma di Bitget.

    Il pacchetto comprende prove gratuite, uno sconto del 50% sugli acquisti di BTC ed ETH, privilegi di airdrop di BGB e altri vantaggi esclusivi. I titolari di FTT con un saldo di almeno 10 FTT al momento dell’istantanea saranno qualificati a richiedere il loro airdrop NFT per sbloccare le ricompense assegnate in base alla loro rarità NFT.

    Ci sono 10.000 Seed NFT in totale per i possessori idonei, con una rarità che va da Principiante a Leggendario per sbloccare diversi pacchetti di ricompense. I titolari di NFT sono anche qualificati a partecipare al programma BGB Bounty, in cui i partecipanti possono guadagnare fino a 8.888 $BGB, il token nativo della piattaforma di Bitget.

    I titolari di BGB possono godere di vari privilegi, come lo scambio di token popolari con sconti esclusivi, sconti sulle commissioni di transazione e l’opportunità di entrare a far parte del Launchpad con accesso esclusivo a token di alta qualità in una fase iniziale.

    Gracy Chen, amministratore delegato di Bitget, ha commentato:

     “Il mondo delle criptovalute è ancora sotto stress per le conseguenze della scomparsa di FTX, in quanto gli utenti di FTX e i titolari di TLT sono ancora dubbiosi riguardo ai loro asset depositati sulla piattaforma, oltre all’effetto a catena che ha colpito diversi settori verticali dell’industria. Il desiderio degli utenti di investire e conservare gli asset su una piattaforma sicura ha raggiunto il suo apice, dato che Bitget ha registrato un aumento degli utenti dopo l’incidente. Alla luce dell’aumento delle richieste, Bitget lancia questa collezione Seed NFT e dedica i suoi sforzi alla costruzione di un ambiente sostenibile e affidabile nell’ecosistema Web3”.

    Oltre alla collezione di semi NFT, Bitget ha recentemente lanciato una campagna di marketing da 20 milioni di dollari con Messi nel periodo della Coppa del Mondo. L’azienda ha preparato un video del marchio, molteplici omaggi e premi esclusivi con attività a tema Coppa del Mondo, regalando fino a 1 milione di BGB e una maglia firmata da Lionel Messi in persona.

    Alla luce dell’attuale situazione economica negativa, Bitget ha messo in atto alcune iniziative per rafforzare la fiducia e mostrare credibilità ai consumatori, tra cui il lancio di un Fondo per i costruttori da 5 milioni e l’aumento della dimensione del Fondo di protezione a 300 milioni di dollari.

    L’exchange ha inoltre annunciato l’espansione della sua strategia globale con la creazione di un’entità registrata alle Seychelles e l’adeguamento del piano di assunzioni che prevede un team di 1200 persone entro il primo trimestre del 2023.

    A cura di Amelia Tomasicchio

    Photo Credits: Screenshot from Bitget.com

    NFT la nuova guida completa di Amelia Tomasicchio

    NFT la nuova guida completa di Amelia Tomasicchio

    Amelia Tomasicchio presenta una guida pratica ed esaustiva per conoscere a fondo tutti i segreti degli NFT Non Fungible Token.

    Copertina del libro di Amelia Tomasicchio

    Gli NFT, i non fungible token di cui tanto si parla, hanno preso piede nel 2021, dopo una vendita milionaria dell’artista americano Beeple

    Ma gli NFT hanno origine molto prima, e non sono legati solo al mondo dell’arte, a cui pure stanno imprimendo una svolta epocale. 

    Questa tecnologia basata sulla blockchain ha molteplici applicazioni e potenzialità enormi, in gran parte ancora da esplorare: dal gaming ai metaversi, dal collezionismo al marketing, dai social media all’editoria. 

    Amelia Tomasicchio, esperta di digital marketing, co- founder e direttrice della rivista online “The Cryptonomist”, ripercorre in questo libro la storia degli NFT, le loro implicazioni economiche quali asset unici e non intercambiabili, le loro fondamenta tecnologiche, i dilemmi e le opportunità nei mercati digitali, i legami con le criptovalute, le storie dei protagoniste e delle aziende che ha incontrato nel settore. 

    Ne nasce una guida agile, pratica e completa che permetterà di scoprire tutti i segreti degli NFT, la vera rivoluzione tecnologica della blockchain dopo le criptovalute.

    Immagine di copertina: Copyright (c) 2021 ded pixto/Shutterstock

    DNA Collection NFT: Hackatao in collaborazione con Bang&Olufsen

    DNA Collection NFT: Hackatao in collaborazione con Bang&Olufsen

    In occasione del primo progetto NFT di Bang & Olufsen, l’azienda mira a fondere design, arte e musica nella sua DNA Collection in collaborazione con i crypto artist HACKATAO.

    Che cosa hanno in comune tutti gli artisti, vecchi e nuovi?

    Il desiderio di creare e innovare.

    Immaginiamo un universo alternativo, dove a Leonardo da Vinci venga dato il potere di aumentare i suoi dipinti nello spazio digitale.

    Il risultato sarebbe l’esperienza della saggezza che si intreccia alla creatività dell’innovazione.

    Questo è il regno dove ora convivono all’unisono Bang & Olufsen e Hackatao.

    In occasione del primo progetto NFT di Bang & Olufsen, l’azienda mira a fondere design, arte e musica nella sua DNA Collection.

    B&O è stata fondata nel 1925 e, come tale, 1925 creazioni NFT saranno disponibili da collezionare a partire dal 30 novembre 2022.

    Tali creazioni potranno essere mintate sul sito dedicato: https://dna.nft.bang-olufsen.com

    Tre dei prodotti fisici di Bang & Olufsen daranno vita alla DNA Collection: il giradischi Beogram 4000, le casse Beoplay A9 e Beolab 90 e un design digitale futuristico, il Beoverse Alpha.

    Hackatao coinvolgerà Queens+Kings e la sua community in questa collaborazione. Con tale progetto Hackatao intende mostrare la potenza del suo nuovo strumento di Freezing e i conseguenti diritti commerciali che i collezionisti ricevono congelando il proprio avatar.

    Sei collezionisti della community Q+K: @punk6529, @WhaleSharkETH, @33NFT, @thrashleystyles, @0xikaros e @Lorenerl1 sono stati selezionati per hackerare e congelare i propri royals.

    Hackatao ha poi customizzato, partendo tali creazioni artistiche, gli NFT dei prodotti Bang & Olufsen per creare la loro DNA Collection.

    I collezionisti che mintano un DNA Collection NFT riceveranno, con una dinamica random, una “Art Vial” a dicembre e, successivamente, una “Music Vial”, che saranno poi congiunte all’NFT del prodotto per realizzare un capolavoro unico eccezionale.

    Gagosian non vende! La smentita ufficiale

    Gagosian non vende! La smentita ufficiale

    Dopo alcune settimane arriva la smentita ufficiale: Larry Gagosian ha annunciato che le sue gallerie non sono in vendita. Ma il cambiamento c’è, con la nomina di un comitato di 20 direttori tra collezionisti, registi, curatori e manager di fondi speculativi.

    Da settimane le voci si rincorrevano per i corridoi degli stand delle fiere d’arte: Larry Gagosian vende!

    Non sono mancati gli articoli che annunciavano la vendita del colosso delle gallerie d’arte Gagosian, che da oltre quarant’anni è presente nel mercato e lo domina insieme a poche altre.

    E la vendita di Gagosian, data per certa, era a detta di molti nelle mani del gruppo LVMH – Louis Vuitton Moët Hennessy – colosso che, con la rivale Kering, domina l’industria del lusso.

    Ieri la smentita, arrivata dal diretto interessato Larry Gagosian, che a 77 anni e senza eredi, dichiara che le sue gallerie non si vendono, ma un cambiamento effettivamente c’è stato.

    IL CAMBIAMENTO IN ATTO PER GAGOSIAN

    Infatti il network di 19 gallerie (sei a New York, tre a Londra, tre a Parigi, tre in Svizzera, e poi Roma, Atene, Beverly Hills, Hong Kong) e gli oltre 100 artisti rappresentati potranno ora contare non solo sul fiuto per gli affari e la ricerca continua di successo di Larry Gagosian, ma anche su quella di un nuovo comitato di direzione.

    Infatti, Larry Gagosian ha scelto di delegare, ma non solo a otto componenti di valore del suo nutrito staff, ma anche a undici figure chiave legate al mondo dell’arte, della creatività, del lusso e della finanza.

    IL NUOVO COMITATO

    Tra questi la collezionista Dasha Zhukova NiarchosDelphine Arnault, figlia di Bernard Arnault proprietario del colosso LVMH, la regista Sofia Coppola, il fondatore di Snapchat Evan Spiegel, l’artista Jenny Saville, rappresentata dalla stessa galleria, il curatore Francesco Bonami e il manager di fondi d’investimento J. Tomilson Hill.

    Larry Gagosian afferma che il suo obiettivo nel creare il nuovo board di direttori è: “Alzare l’asticella sul pensiero strategico della galleria e la visione per il futuro“. Aggiungendo: “Ho sentito che era importante accogliere diverse prospettive ed esperienze sulle opportunità e le sfide che gli artisti devono affrontare oggi e domani, così come il futuro del collezionismo“.

    Come riporta The Art Newspaper, il nuovo consiglio direttivo è stato istituito alla fine del 2021, mentre i membri “saranno ricompensati“, secondo un portavoce di Gagosian, ma “non avranno interessi finanziari in galleria“, né avranno diritti di voto.

    Larry Gagosian rimane 100% il proprietario della galleria.

    Immagine di copertina: Courtesy Katherine Hardy

    Le nuvole negli NFT di Martin Lukas Ostachowski sono molto di più

    Le nuvole negli NFT di Martin Lukas Ostachowski sono molto di più

    Martin Lukas Ostachowski è uno dei 50 artisti presenti in “CRYPTO ART – Begins”, il primo libro NFT che racconta la storia e l’evoluzione della Crypto Arte

    “CRYPTO ART – Begins” racconta gli entusiasmanti inizi ed evoluzione della Crypto Arte attraverso la storia e il lavoro di 50 tra i migliori artisti nel mondo che hanno contribuito alla sua nascita e sono ancora parte attiva del presente e futuro della sua rivoluzione con i loro progetti NFT.

    CRYPTO ART – Begins presenta Martin Lukas Ostachowski

    Martin Lukas Ostachowski è un artista crypto che lavora con i nuovi media, ma anche uno storico della Crypto Arte che ama educare il prossimo sulla blockchain. 

    Le sue nuvole sono molto più che il suo soggetto preferito, rappresentano la sua identità in continuo cambiamento e il suo amato universo crypto. 

    CHI È MARTIN LUKAS OSTACHOWSKI?

    La vita di Martin Lukas Ostachowski è segnata da due avvenimenti che hanno cambiato la traiettoria del suo vissuto: il primo trasferimento dalla Polonia in Germania per fuggire dal Comunismo e una seconda migrazione in Canada nel 2013.

    Dal 2015 inizia a identificarsi come artista e a produrre arte fisica. L’interesse per l’arte digitale è sempre presente, ma si concretizza solo quando l’avvento della tecnologia Blockchain permette a un vero e proprio mercato di nascere. 

    Nel 2018 Ostachowski inizia a creare i suoi primi NFT. Il potenziale per gli artisti di questo nuovo mercato diventa la sua nuova passione a tal punto da spingerlo a diventare il primo storico della Crypto Arte.

    LA SUA ARTE

    Martin Lukas Ostachowski è un cosmopolita. L’assenza di radici l’ha portato a concepire gli umani come cittadini del mondo e questo si riflette nella sua arte. 

    Simbolo di tutti i suoi viaggi aerei e icona della sua arte, la nuvola – studiata prima attraverso foto e video per poi essere introdotta nella sua produzione.

    Le nuvole diventano un simbolo della sua identità. La loro immaterialità, inconsistenza e transitorietà risulta una perfetta rappresentazione del sentimento interiore dell’artista. 

    Nuvole che assumono diversi significati attraverso diverse culture, ma che – allo stesso tempo – tanto quanto nessuna altra forma ci risultano familiari e rassicuranti. 

    Una simbologia che si presta anche all’universo blockchain, che – come una nuvola trasporta acqua – raccoglie le speranze della società per un futuro, un benessere e un sistema socio-economico migliore. 

    “Ephemeral Thoughts on Digital Wallets” (2020) è un NFT che esplora il valore dei beni digitali. Una visualizzazione generativa delle parole che compongono la seed phrase del wallet digitale. 

    Una rappresentazione visiva della riflessione su come il network blockchain si regga sulla speranza comune come fattore di attribuzione del valore. Una visione poetica, ma non per questo non veritiera, del sistema crypto che ci dà speranza per il futuro.

    LA CURATRICE ELEONORA BRIZI DICE DI MARTIN LUKAS OSTACHOWSKI

    Eleonora Brizi, curatrice e founder di Breezy Art, la quale ha curato per The NFT Magazine la selezione dei 50 artisti presenti nel libro “Crypto Art Begins” scrive di Martin Lukas Ostachowski:

    “Artista e storico della Crypto Arte, Martin L. Ostachowski ama l’arte educativa perché crede che la conoscenza basilare del crypto come tecnologia sarà cruciale per la società. Con l’aumentare della presenza della tecnologia come parte del nostro ambiente, questa sarà essenziale per l’inclusione futura, dunque bisogna essere aperti nei suoi confronti”.

    Cosa aspetti? Scopri tutto sugli artisti di “Crypto Art – Begins”!

    Tutta l’identità di Lulu XXX nei suoi NFT

    Tutta l’identità di Lulu xXX nei suoi NFT

    Lulu xXX è una dei 50 artisti presenti in “CRYPTO ART – Begins”, il primo libro NFT che racconta la storia e l’evoluzione della Crypto Arte

    “CRYPTO ART – Begins” racconta gli entusiasmanti inizi ed evoluzione della Crypto Arte attraverso la storia e il lavoro di 50 tra i migliori artisti nel mondo che hanno contribuito alla sua nascita e sono ancora parte attiva del presente e futuro della sua rivoluzione con i loro progetti NFT.

    CRYPTO ART – Begins presenta Lulu xXX

    Artista digitale, programmatrice e software developer – per Lulu xXX tutto ciò che riesce ad essere sia tecnologico sia creativo è familiare.

    La sua arte è totale espressione della sua identità, dall’immaginario delle sue opere al mezzo che è programmato da lei stessa per adattarlo al meglio alla sua volontà creativa.

    CHI È LULU XXX?

    Creatività e tecnologia sono un binomio familiare per Lulu xXX che lavora da anni come artista di effetti visivi, CGI e 3D per il cinema. 

    La programmazione è entrata a far parte del suo processo creativo per necessità quando nei primi anni 2000 ha iniziato ad approcciarla per facilitare il suo lavoro e accedere a funzioni avanzate senza dover usare programmi costosi. 

    Il suo primo NFT è stato mintato su Rarible, quando ancora la piattaforma non aveva acquisito credibilità. Le sue creazioni sono state notate subito dai collezionisti e, così, Lulu xXX si è resa conto di avere del potenziale nell’universo crypto.

    LA SUA ARTE

    Nel 2015 Lulu xXX ha iniziato a sperimentare con l’intelligenza artificiale basata su rete neurale. 

    Nel suo lavoro ama manipolare immagini statiche animandole grazie a sequenze di movimento catturate grazie a strumenti di analisi del flusso ottico. 

    Tutto ciò viene realizzato grazie alla sua capacità di programmatrice che le permette di costruire i propri strumenti creativi. 

    Questa qualità fortemente identitaria del processo creativo è al centro del suo pensiero artistico e si riflette anche nei soggetti scelti che sono spesso volti umani. 

    “P(ii)tch” (2021) è una serie di 100 NFT realizzati grazie al potere generativo dell’intelligenza artificiale. L’input sono una serie di filmati selezionati dall’artista. 

    Il risultato sono opere che visivamente fanno riferimento all’estetica dei 2000, dove cifre alfanumeriche danno forma ai volti di personaggi della cultura pop come Marilyn Monroe e Kurt Cobain. 

    La tridimensionalità delle immagini che si animano le rende potentemente realistiche. I soggetti sembrano quasi intrappolati nello spazio della tela.

    L’aspetto pop delle opere di Lulu xXX le rende particolarmente adatte al Web3 che si nutre di icone della cultura mainstream e di arte dal carattere marcatamente digitale. 

    LA CURATRICE ELEONORA BRIZI DICE DI LULU XXX

    Eleonora Brizi, curatrice e founder di Breezy Art, la quale ha curato per The NFT Magazine la selezione dei 50 artisti presenti nel libro “Crypto Art Begins” scrive di Lulu xXX:

    “Il lavoro di Lulu xXX inizia sempre con un atto tecnico come un nuovo pezzo di codice, un nuovo algoritmo. Poi le cose si fanno 100% artistiche. La tecnologia è un espediente per permetterle di iniziare qualcosa, altrimenti non sarebbe abbastanza coraggiosa da affrontare la sofferenza del processo creativo”.

    Cosa aspetti? Scopri tutto sugli artisti di “Crypto Art – Begins”!

    Gli NFT sciamanici di Lawrence Lee

    Gli NFT sciamanici di Lawrence Lee

    Lawrence Lee è uno dei 50 artisti presenti in “CRYPTO ART – Begins”, il primo libro NFT che racconta la storia e l’evoluzione della Crypto Arte

    “CRYPTO ART – Begins” racconta gli entusiasmanti inizi ed evoluzione della Crypto Arte attraverso la storia e il lavoro di 50 tra i migliori artisti nel mondo che hanno contribuito alla sua nascita e sono ancora parte attiva del presente e futuro della sua rivoluzione con i loro progetti NFT.

    CRYPTO ART – Begins presenta Lawrence Lee

    Artista dal lungo passato nell’arte contemporanea, Lawrence Lee è tra i membri originari della comunità crypto.

    Le sue opere di ispirazione sciamanica si rivelano perfette per comunicare il parallelismo tra la semantica del Far West e l’universo crypto: luoghi di novità, sperimentazione e misticismo. 

    CHI È LAWRENCE LEE?

    Lawrence Lee è un artista da più di 50 anni. Dalla fine degli anni ‘70 si dedica all’arte a tempo pieno e i suoi lavori occupano gli spazi di istituzioni museali e collezioni private in tutto il mondo. 

    L’esperienza con l’arte digitale è ben radicata nel suo percorso artistico: infatti, nel 1989, Lee realizza il primo libro illustrato per bambini prodotto a computer. 

    Oggi è uno dei membri più rispettati della comunità crypto, con i suoi NFT presenti sulle maggiori piattaforme di scambio. 

    LA SUA ARTE

    La produzione artistica di Lawrence Lee si può riassumere in due filoni: quello dei paesaggi e quello dei ritratti. 

    I paesaggi sono scenari semi-astratti dove il colore domina come elemento determinante nella composizione, discostandosi dalla riproduzione del reale. 

    I ritratti, invece, hanno sempre un aspetto totemico, facendo riferimento alla tradizione sciamanica nativa americana.

    L’intera produzione di Lee è fortemente caratterizzata dall’atmosfera western che permea i paesaggi dell’Arizona dove l’artista è nato e tutt’ora vive. 

    “CrossCronocron Man” (2020) è un esempio dello stile ritrattistico di Lawrence Lee portato nel formato NFT. Il volto di un anziano dai tratti nativi reso grazie a masse di colore che danno all’opera un’aura psichedelica. 

    L’artista, su SuperRare, costruisce attorno all’immagine il racconto di un viaggiatore 

    che guida le persone sul suo percorso al di là del tempo.   

    Questo universo di spiritualità, saggezza universale e personaggi iconici ci dona una metafora potente sull’universo crypto che, come il Far West, è inesplorato, abitato da personaggi fuori dal comune ed esoterico perché appartenente alla sfera del virtuale.

    LA CURATRICE ELEONORA BRIZI DICE DI LAWRENCE LEE

    Eleonora Brizi, curatrice e founder di Breezy Art, la quale ha curato per The NFT Magazine la selezione dei 50 artisti presenti nel libro “Crypto Art Begins” scrive di Lawrence Lee:

    “Lawrence Lee vede la blockchain come uno sviluppo importante tanto quanto la pittura ad olio come mezzo artistico e socialmente stimolante tanto quanto il lavoro di un gruppo specifico di artisti d’arte moderna dopo il ritorno di Picasso a Parigi nel 1900. Nuovi strumenti che estendono la capacità comunicativa dell’artista.” 

    Cosa aspetti? Scopri tutto sugli artisti di “Crypto Art – Begins”!

    Il libro “Crypto Art – Begins” al MEET di Milano

    Il libro “Crypto Art – Begins” al MEET di Milano

    Per l’undicesima edizione di BookCity Milano, The NFT Magazine e MEET Digital Culture Center presentano in anteprima “Crypto Art – Begins” il primo libro Phygital che racconta dell’entusiasmante movimento della Crypto Arte tramite la storia e le opere di 50 Crypto Artisti che hanno contribuito alla nascita di questo nuovo mondo.

    La presentazione prevista per Sabato 19 Novembre ore 16 presso MEET in Viale Vittorio Veneto 2  – aperta a tutti previa registrazione – sarà moderata da Maria Grazia Mattei, Fondatrice e Presidente MEET con Andrea Concas Fondatore e Editore di The NFT Magazine insieme alla Curatrice Eleonora Brizi.

    Insieme a loro si alterneranno sul palco del MEET numerosi speaker, per un incontro tutto dedicato alla scoperta della Crypto Arte e dei suoi protagonisti. Tra gli ospiti alcuni degli artisti del libro come Giovanni Motta e Mattia Cuttini.

    Non mancheranno i collezionisti e i professionisti del settore, come Amelia Tomasicchio CEO di The Cryptonomist, insieme ad Alessandro De Grandi CEO e Founder The Nemesis.

    In occasione della presentazione si parlerà per la prima volta del ‘Sistema della Crypto Arte’, teorizzata da Andrea Concas con il quale si va oltre le soluzioni tecnologiche, individuando i suoi protagonisti, insieme alle dinamiche che dietro questa rivoluzione intercorrono tra community, piattaforme digitali e artisti.

    Attraverso il dialogo con gli artisti e le loro opere emergono le visioni, le aspirazioni, le complessità, nonché i limiti di un mondo che è tutto in divenire e da scoprire.

    A raccontarlo per The NFT Magazine la curatrice Eleonora Brizi, pioniera del movimento, che ha vissuto fianco a fianco con gli artisti, in tempi non sospetti, la grande evoluzione e ascesa della Crypto Arte, già prima della dirompente discesa in campo nel mercato.

    In epoca digitale, tra NFT e Metaversi, “CRYPTO ART – Begins” rappresenta l’innovazione nell’Editoria grazie al Web3.

    Il libro sarà disponibile non solo tra gli scaffali delle librerie, ma anche nel Metaverso, grazie alla collaborazione con The Nemesis che presenta una mostra in realtà virtuale di tutti gli artisti coinvolti accessibile grazie ad un NFT.

    Il libro “CRYPTO ART – Begins” è disponibile in Italia dal 15 novembre 2022, negli Stati Uniti sarà disponibile nel 2023 per Rizzoli New York e sul sito www.thenftmag.io tramite NFT.

    CRYPTO ARTE, siamo solo all’inizio…

    CLICCA QUI PER REGISTRARTI ALL’EVENTO